Tra le varie mutazioni che il cinema ha subito con l’avvento del digitale c’è anche quella relativa al concetto di “originale”. Con il digitale non si parla più di originale ma di “file nativo”. Ebbene la mia idea di progetto partecipato si estende fino alla possibilità che gli autori possano trovare una sponda per realizzare la loro narrazione, il loro film, e poi possano offrire le loro stesse immagini come parte del racconto del film partecipato. Il film partecipato è il fine ultimo del progetto, ma non l’unico. Immagino una bilancia dove da una parte si preserva l’autonomia e l’individualità di ogni singolo racconto e dall’altra si costruisce una narrazione nuova, collettiva e insieme unitaria. Il progetto è rivolto ad autori giovani e meno giovani che possono trovare in tutto questo una “casa”, un luogo dove condividere un’esperienza basata sul rispetto, sul rapporto paritario, dove non si partecipa per affermarsi ma per migliorarsi attraverso visioni differenti.
Antonietta De Lillo

 

Desideriamo sviluppare un film documentario, realizzato attraverso i contributi e i racconti filmati di vari film-maker, su un tema assegnato, valido per tutti. Questo vuole essere un progetto aperto a professionisti e non, a chiunque, quindi, abbia desiderio di parteciparvi. Il progetto verrà promosso via internet attraverso dei “diffusori” che potranno essere anche nostri partner (es: quotidiani, riviste, siti internet… etc), nonché da un’appropriata campagna di informazione e sensibilizzazione tramite newsletter, ufficio stampa e web. Attraverso i nostri “diffusori” inviteremo sia il popolo della rete che cineasti professionisti a partecipare al progetto inviandoci i propri contributi filmati e\o docu-film. Inoltre sarà possibile ricostruire una memoria storica collettiva inviando vecchi filmini di famiglia attinenti al tema. I singoli lavori avranno una loro vita autonoma e contemporaneamente faranno anche parte del film di montaggio, che verrà realizzato da un coordinamento artistico. Il coordinamento sarà libero di scegliere qualsiasi “frammento” che riterrà interessante ai fini della narrazione.

 

COME PARTECIPARE

I partecipanti possono realizzare documentari, inchieste, videoritratti, lavori di animazione – purché sempre nell’ambito del cinema della realtà – o inviare riprese non montante, filmini di famiglia, videoblog e materiali amatoriali. I contributi sono realizzati autonomamente dai filmmaker ma in alcuni casi è possibile che marechiarofilm offra tutoraggio o anche una collaborazione produttiva e/o distributiva. Come per il progetto precedente e nella filosofia di lavoro della marechiarofilm, i lavori realizzati dagli autori partecipanti rimangono di loro proprietà e potranno avere uno sfruttamento commerciale e una diffusione autonoma in festival e rassegne. A loro volta gli autori acconsentiranno a mettere le proprie immagini a disposizione del progetto collettivo.

Potete inviare i vostri lavori in DVD, su hard disk o su chiavetta USB all’indirizzo della sede operativa di marechiarofilm in Via Emanuele Filiberto 56, 00185 Roma, oppure inviandoli via dropbox, wetransfer o simili all’indirizzo redazione@fuoridalpollaio.it o caricandoli sui social network e mandandoci il link con possibilità di download.

Per partecipare al progetto è inoltre necessario scaricare la scheda di partecipazione e la liberatoria che seguono e inviarcele compilate e firmate, accompagnate dalla fotocopia di un documento d’identità.

Scaricare e compilare:

 

ocinema10 ocinema9

 

ocinema10