diario di bordo – 4° giorno

MATILDA

3 novembre – 4° giorno, proiezione del film 

 

matilda 4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scheda film > Matilda

 

I commenti degli alunni dopo la proiezione del film:

Mattia: E’ un film pieno di attesa, di suspance. La trama gialla con molto spirito non lo fa mai sfociare nella tragicità, lo rende invece divertente.

Luca: quello che mi sento di dire è che l’ho trovato un film che scorre dinamico, pieno di colpi di scena.

Giorgia: Mi è piaciuto per i fraintendimenti che la regia crea per non far capire subito allo spettatore: per esempio la trovata dei due mazzi di fiori o dei quadri rubati, che non sono quello che sembrano.

Tommaso: Non me lo aspettavo così: il regista mi ha fatto apparire simpatico un uomo come Torquato.

Camilla: Però c’era quest’alone di tristezza nella sua vita……Ho tentato di immedesimarmi nella sua vita quotidiana di bibliotecario single, pittore a tempo perso ma mi intristiva troppo….

Federica: Mi ha colpito che lui non fosse riuscito a costruirsi una famiglia alla sua età. Sembra un sempliciotto, un ingenuo, ma ispira tanta tenerezza.

Francesca: Ho notato una caratterizzazione forte dei personaggi: Matilda tira fuori la femminilità dopo la disgrazia, tenta ogni volta una rinascita. E’ determinata anche quando ruba per il bene di Torquato, un gesto di amore profondo, secondo me.

Sara: Si dà grande importanza a mettere in luce l’espressività dei protagonisti grazie alla scelta delle inquadrature: i dettagli e i particolari sono frequenti, come i primi piani (così le emozioni e i sentimenti sono chiari in volto). Ricordo: i libri, la ciotola di vetro, gli occhiali scuri, particolari del mobilio della casa, il rossetto, le calze, l’acquario, il regalo.

Giulia: Mi ha colpito la frase che Matilda era “una persona preziosa ma pericolosa”, riproduceva il giudizio cattivo della gente. C’è sempre questo ritorno del destino che incombe, rientra sempre in campo la scaramanzia.

Camilla: Mi ha stupito come la scaramanzia possa influenzare così la vita e le idee della gente. La scaramanzia è frutto di ignoranza ma le persone che girano intorno ai protagonisti sono di un certo ceto sociale, quindi non me lo spiego….

Martina: Mi è piaciuto il percorso per dimostrare che Matilda non era come dicevano gli altri.

Giorgia: Io trovo Matilda molto appariscente. Però è una forza, non si arrende, continua a cercare ostinatamente l’uomo della sua vita perché teme la solitudine; mentre soffre, guarda con dolore a chi si ama, a chi ha già una famiglia, mentre lei è sola.

Federica: Non lo so, non sono d’accordo con l’atteggiamento di Matilda che insegue così tanto il matrimonio, cerca così tanto un fidanzato. Non mi piace che lei si affidi così poco a quello che verrà.

Francesca: Anche la solitudine hanno in comune.

Samuel: Loro prendevano la solitudine in due modi diversi, secondo me, perché provocata da condizioni diverse: lei dagli omicidi che l’avevano lasciata così, sola; lui l’aveva scelta, non prendeva la solitudine con tristezza.

Federica: Mi ha colpito la frase: “L’ho temuta e l’unica paura che ho ora è di perderla”.

Martina: A proposito di perdite, il cane rappresenta per Torquato la famiglia e quando lo perde come compagno di vita, si deprime.

Sabina: A me è rimasta impressa questa figura sinistra del fratello che faceva finta di incoraggiare, invece era un tipo losco.

Marco: Il senso del giallo è trasmesso proprio dal fratello.

Leo: Mi piaceva il fratello perché, uccidendo, movimentava il film.

Martina: Era più solo di un uomo solo, si attaccava morbosamente alla famiglia.

Camilla: Nel suo piccolo, anche la domestica di Torquato è una figura importante.

Samuel: Anche nella casa di Torquato la domestica dava un tocco di colore.

Francesca: I colori sembrano scelti per accentuare la solitudine: da Torquato la casa è tutta grigia, scura; nella casa di Matilda c’è invece tanto bianco, quasi a creare un senso di vuoto. Solo quando si prepara si vedono colori come il rosso e alcuni altri negli abiti che rispecchiano altre emozioni.

Luca: Anche quando c’è luce, però è sempre livida, mai abbastanza luminosa.

Francesca: Come se fosse sempre nuvoloso.

Mihai: I colori sembrano sfocare l’ambiente certe volte.

Mattia: Sono un po’ ingrigiti, come se fossero scoloriti.

Carlo Alberto: Io ho distinto tre periodi di luci e ombre: oscurità nella prima fase dei delitti; atmosfera luminosa e vivida durante la frequentazione di Torquato e Matilda ; si illividisce di nuovo quando si lasciano i due amanti.

Luca: Sono stati molto d’aiuto nel film angolazioni e luci. Sembra talvolta un’atmosfera surreale, poi ritorna reale.

Sara: C’è stata una parte in cui avevano usato la tecnica di far scorrere velocemente lo spazio nel tempo: hanno condensato tutta la conoscenza dei due protagonisti in breve tempo (lo spazio nel tempo per mettere insieme una grande parte di racconto in un frammento).

Giorgia: I quadri di Torquato sembravano vuoti, a macchie, impiastri di colori e di pennellate.

Federica: Così uno lo può interpretare e vederci quello che vuole immaginare.

Sara: Sì, la colonna sonora accompagna sempre sia le scene felici che di tensione. E da qualche parte compaiono sempre musicisti.

Mihai: Il sottofondo musicale per me è bello per l’accostamento che ha fatto tra sentimenti e ambiente.

Mattia: Mi ricordo la frase nel film: “Ogni cosa nasce, cresce e muore”.

Francesca: E comunque, il pensiero dell’illuminismo non era contro la superstizione?

Classe 3C

 

Continua …