diario di bordo – 10° e 11° giorno

 

NON E’ GIUSTO

12 gennaio – 10° giorno, proiezione del film

non e giusto

Scheda film > Non è giusto

 

Subito dopo la visione del film, i ragazzi esprimono con un solo aggettivo le loro sensazioni a caldo:
Tenero in qualche modo –  veritieroparticolare seduttivoriflessivooriginale strano – significativo –  forte – diversoemozionante profondosimbolico

 

 

 

19 gennaio – 11° giorno, analisi del film e gioco di ruolo

Questa volta i ragazzi della 3°C dell’Istituto Perlasca nell’analizzare il film Non è giusto si sono cimentati in un gioco di ruolo. Alcuni si sono immedesimati nei personaggi del film altri invece in elementi trainanti della sceneggiatura, altri ancora nel regista:

Giorgia: Sono il bambino ancora in pancia. Sono un’incidente. Sarò accettato? Non sono veramente desiderato. Sono un po’ in confusione: mia madre mi vuole e mio padre no. Avrò forse una mancanza significativa d’affetto. Sono un nuovo inizio ma genero solo paura e disapprovazione.

Mihai: Sono la città di Napoli che ospita i personaggi: sono estiva e frizzante nelle mie spiagge, dormiente e con un’atmosfera pesante nelle mie strade. Sono soffocante, chiusa, desolata. Qualche volta sembro uno sfondo da documentario.

Federica: Sono l’estate che accompagna la quotidianità dei personaggi. Sono portatrice di nuove conoscenze, di nuove relazioni, di cambiamenti, di rotture, di nuovi inizi. Sono pesante, sono improvvisata, sono motivo di contesa per i genitori che vogliono godermi senza figli. Do tempo per il dialogo

Leonardo: Sono la famiglia, sono strana, sono messa in discussione, sono un casino, sono brutta, sono stropicciata.

Tommaso: Sono lo sguardo del regista. Io guardo quello che la gente prova, quello che vuole dire e quello che non vuole dire. Il mio sguardo è tranquillo, non metto in agitazione. Io guardo a fondo i caratteri.

 

La classe 3°C

Continua …