diario di bordo – 3° giorno

ANGELO NOVI fotografo di scena

28 ottobre, 3° giorno –   primo incontro con Antonietta De Lillo

scuola1

scuola2

Antonietta De Lillo incontra i ragazzi della 3C e inizia l’incontro parlando del cinema, come questo possa essere arte collettiva. Antonietta fa notare che nel cinema è necessario aggiungere ai 5 sensi noti altri 2 analogamente importanti: l’immaginazione e l’istinto. Non si insegnano ma riescono ad essere a volte più sinceri della vista empirica; il cinema rende visibile ciò che è dentro ciascuno di noi. A seguire, si approfondiscono alcuni generi che gli alunni amano di più (fantasy, horror, gialli), da qui scaturisce una riflessione sul dualismo tra bene e male e ci si sofferma sulla figura dell’eroe e sul “senso di essere eroi”Infine la lezione si sofferma sull’analisi del video-ritratto e del film ANGELO NOVI fotografo di scena.

 

Domande poste dagli alunni alla regista:

Mattia: lei, da fotografa, crede di essere stata influenzata da Novi ed è stato importante conoscerlo anche per la sua carriera registica?

Antonietta: Io allora non lo conoscevo ma sposo in pieno la sua filosofia: l’istinto va adoperato nel cinema come nella vita. C’è però una procedura tecnica che vuole la scelta dell’inquadratura, ossia studiare i margini del fotogramma, quindi compongo l’immagine e via con gli scatti che farò.

 Camilla: si sente più turista o viaggiatore?

Antonietta: in realtà mi sento ambedue perché entrambi sono utili. Nel caso del turista si ha un punto di vista che può essere molto interessante, serve per creare conoscenza con l’altro. Il viaggio di lavoro è un altro modo di viaggiare, altrimenti deve scaturire da una motivazione, da un interesse e il viaggiatore diventa colui che si deve equipaggiare.

Camilla: in ciascuno dei suoi lavori come capisce che quelli sono gli scatti che le piacciono?

Antonietta: questa è proprio la domanda delle domande. La scelta è la cosa più complicata perché è la più semplice. Nel vostro caso, per esempio, nell’età che state vivendo, gli adulti devono solo sostenere nello sviluppo della scelta che, di per sé, non deve appesantire, per cui le aspettative vanno ridimensionate. Negli scatti per un film bisogna fidarsi che la propria idea dello scatto più bello per te corrisponda anche alla visione che ne avranno gli altri. La vita è tutta un ping pong tra esterno e interno. Bisogna avere fiducia nella capacità di avere un proprio gusto. Il mondo intorno deve instradare verso l’attenzione, il riconoscimento del bello, più che dirvi ciò che è giusto o sbagliato. L’estetica e la nostra capacità di scelta ci viene dalla nostra cultura, dall’habitat che ci accoglie.

Sabina: come nasce l’dea del film?

Antonietta: gli input possono essere diversi, i più inaspettati. Un film si fa o perché te lo propongono, o perché nasce da te o per una pura coincidenza, come nel caso del film di oggi “Angelo Novi”. Anche il ritratto necessita di una miriade di accorgimenti tecnici, al contrario di quello che si potrebbe presumere. Io scrivo la sceneggiatura dopo che ho girato. Questa affermazione, noto, lascia un po’ di stucco gli alunni che forse risentono dello studio recente, ma con un imprinting tradizionale, dei vari step della lavorazione del film.

Martina: i suoi genitori hanno approvato la sua scelta di vita o l’hanno osteggiata? Quelli di Angelo Novi non ne erano affatto entusiasti.

Antonietta: io sono stata molto fortunata perché ho avuto dei genitori semplici ma molto speciali. C’era molto rispetto reciproco, anche se il legame era molto stretto. Io ritengo di aver avuto coscienza dei miei confini assai presto e tuttavia, l’ultima cosa che volevano è che mi occupassi di arte. Lì per lì, quando realizzarono, pensarono di avere una figlia pazza, con un po’ di ironia. Non mi hanno però mai ostacolato ma neanche favorito. E vi dirò che anche gli ostacoli sono necessari, vanno superati, in questo caso per carpire quanto è grande la passione che si ha dentro. E ‘ giusto essere ostacolati, si impara a scegliere. 

Carlo Alberto: ha mai pensato, anche per un istante, di cambiare lavoro da quando fa la regista?

Antonietta: non l’ho mai pensato perché gli ostacoli enormi che ho avuto durante il percorso mi hanno dato il vantaggio di combattere ancora.

Giulia: da cosa ha tratto l’ispirazione per realizzare il video-ritratto?

Antonietta: visto che non volevo sortire qualcosa di noioso e di insopportabile a vedersi, ho pensato a cosa mi avrebbe fatto piacere sentire, realizzando questo genere di film. A me comunque piaceva tanto sentire le storie degli altri, in treno per esempio. Ho tratto dal mio vissuto l’emozione del video-ritratto e l’ho riportata in un genere. Ho tratto ispirazione dai racconti di una persona non istruita, ma dall’intelligenza finissima: Carmela Mezzanotte, che dialogava con i morti.

Sara: Angelo Novi dice di aver trovato la perfezione in uno dei registi e in uno degli attori con cui aveva lavorato. A lei è mai capitato di riscontrare in qualcuno la stessa cosa?

Antonietta: io ho avuto un cast eccellente nel film “Il resto di niente”. L’attore è come una macchina. Il cinema è stomaco e tecnica: ci sono attori che governano la materia tecnicamente e non intuitivamente. Bisogna, secondo me, invece, che ci sia la tecnica e anche che la prestazione attoriale abbia un momento di salto nel buio.

Giorgia: le è mai capitato di inserire in un suo film qualcosa capitato a lei, le sue emozioni, un pezzetto della sua vita?

Antonietta: il mio essere c’è sempre. L’iter, nel cinema di finzione, generalmente è questo: prima nasce dentro di me il sentimento che voglio raccontare, poi i personaggi a cui attribuisco il carattere per permettere loro di prendere le distanze e così loro si allontanano. Nel cinema della realtà è diverso ma io realizzo spesso innesti tra diversi generi.

Giorgia: sono bravi i bambini a recitare?

Antonietta: i bambini sono “mostri”: mostri si nasce, bambini si diventa. La mia esperienza mi porta a dirvi che quando, per il film che vedrete “Non è giusto” (film di finzione girato come se fosse un documentario), li ho cercati nelle agenzie pubblicitarie, li ho trovati finti, inespressivi; allora li ho cercati lungamente a scuola tra le persone non consapevoli. Trovarli è stata un’operazione complicata: più di 800 bambini; mi servivano bravi, ma soprattutto divertenti. Scelta lunga e oculata perché i due elementi fondamentali del film sono: una sceneggiatura forte e gli attori. Se si sbaglia in questo il film non si sostiene. 

 

Collegamenti interdisciplinari  tra il film e le materie scolastiche
-in Arte, i ragazzi hanno cominciato a lavorare sul ritratto per passare in un secondo momento al ritratto fotografico e affrontare più nello specifico qualche ritrattista.

-In Storia stanno affrontando i ritratti storici di grandi personaggi che hanno incarnato il Risorgimento italiano (Mazzini, Cavour e Garibaldi) mediante libri di testo, ricerche e monografie dedicate, anche televisive di spessore.

-In Inglese il collegamento verterà, in virtù del riferimento al grande cinema, su Hollywood e vedranno piccoli stralci in lingua inglese dei film citati da Novi.

-In Francese il collegamento interdisciplinare verterà sulla tematica del viaggio, in particolare su un cortometraggio che si vorrebbe realizzare con il gruppo classe. L’insegnante presenterà il copione e lavorerà , inizialmente, sulla pronuncia. Poi, insieme ai ragazzi, sceglierà a chi affidare le parti.

-In Musica il collegamento con l’Oscar della musica per il cinema Ennio Morricone è immediato come interessante è lo studio di un jazzista prestato al cinema, Gato Barbieri dell’Ultimo tango a Parigi. Approfondiranno poi più specificatamente il contrasto tra ciò che avviene sulla scena e il commento musicale allo scopo di “epicizzare” l’episodio a cui lo spettatore assiste (nel cinema di Pasolini).

-In Scienze, non a casa, stanno procedendo con lo studio dell’occhio, il fenomeno della visione, l’elaborazione da parte del cervello delle immagini in base ai ricordi e hanno per altro iniziato il laboratorio sulle illusioni ottiche e le false prospettive.

-In Italianosiamo passati dallo studio di Foscolo con le “illusioni” dei grandi ideali di bellezza, amore, libertà, eroismo, indispensabili per dare un senso alla vita, alla poetica leopardiana tra pessimismo e illusioni, anche qui perfettamente in tema tanto che i ragazzi stessi hanno comparato l’attesa della gioia, rinvenibile nel “Sabato del villaggio” all’affermazione di Angelo Novi che “la foto, quella vera, è nel prima”. 

-In Educazione fisica l’attenzione sarò sulla capacità di cogliere l’attimo prima che le cose accadano, capacità che indubbiamente nello sport di squadra può fare la differenza tra vincere e perdere.

-In Religione il tema centrale sarà: i viaggiatori senza scarpe. Collegamento biblico. Il vangelo attribuisco a Gesù sempre verbi di movimento. (Gesù passava-veniva-tornava-camminava), il maestro è un tipo che viaggia. Si muove per tutta la Palestina da nord a sud. Il suo viaggiare non è da turista. Non viaggia per visitare. Egli viaggia per incontrare. Il viaggio è un incontro che ci mette a nudo. Nel viaggio poi c’è posto per tutti: ricchi, poveri, mendicanti, funzionari, vedove, sposi etc.

Continua …