diario di bordo 5° e 6° giorno

MATILDA

10 novembre, 5° giorno – analisi del film

 

scuola7

 

 

 

 

 

 

 

 

18 novembre, 6° giorno – secondo incontro con la regista 

scuola1

scuola2

In questo secondo incontro la regista parla ai ragazzi della differenza che c’è tra il cinema della realtà e quello di finzione, spiega le caratteristiche dei due diversi generi per poi affrontare e analizzare insieme alla classe il film MATILDA

 

Domande poste dagli alunni sul film:

Enrico: Matilda è un bel film per la storia, per quel blocco che si viene a creare nella vita della protagonista.

Antonietta: E’ una storia che gioca sui luoghi comuni perché Napoli è per antonomasia la città della superstizione. Una commedia sofisticata che si appoggia al genere giallo, ma dietro il cattivo della situazione c’è sempre lo squilibrio di un sentimento.

Giulia: la musica nel film è continuamente chiamata in causa per fare da contraltare ai sentimenti e ai diversi momenti che si succedono. In qualche caso sembra che crei degli artifici.

Antonietta: Il cinema è fatto di simboli, è finzione, vive di emozioni, cose che sembrano vere e invece sono abilmente costruite.

Sara: c’è qualcosa nel suo film che ricorda Trouffaut, come abbiamo letto nelle recensioni?

Antonietta: più di Hitchcock, direi, autore di gialli sofisticati ed eleganti, dove la tecnica identificabile è particolare. Riusciva a fare le riprese in modo che lo spettatore fosse sempre in anticipo rispetto alla scena. Ma ritorniamo alla musica. A Piersanti si è chiesta una musica sottilmente ironica che ricordasse il giallo. Il tono del film è importante: si può fare commedia anche con un giallo ma fondamentale è il pennello che si usa, quali tonalità si vuole prendere da pittore. E questo si ottiene anche con la fotografia. La luce, ragazzi, come vi è parsa?

Camilla: in alcune scene dominavano alcuni colori che tendevano a ripetersi, in altre erano spente, ingrigite come la vita intristita che conduceva Torquato; in altre ancora sembravano usare colori freddi per accompagnare la depressione della protagonista.

Antonietta: ma l’idea era quella di mostrare una Napoli molto colorata, borghese, colta, assai diversa dagli stereotipi più diffusi. Vero è però che, come dicevate, si nota luminosità in alcuni momenti e un po’ di penombra in altri.

Giulia: nel film ci sono un po’ di dettagli che mi hanno colpita perché secondo me si voleva che lo spettatore li notasse: il bicchiere che si frantuma, il dettaglio dei titoli molto forti di giornale, che riportavano l’opinione sciocca e crudele della gente, l’acquario a casa di Torquato, i particolari su cui si indugia per la preparazione di Matilda all’incontro al buio.

Antonietta: Mi fa piacere che si notino i dettagli. Il bicchiere, per esempio, rappresenta un momento di rottura. E dovete pensare che ciascuno dei registi ha un’attitudine. Le inquadrature, per esempio, si dividono in dettagli e totali. Io, come avete notato da voi, sono particolarmente attenta ai dettagli, che mi dicono molte più cose; sono invece distratta rispetto ad un totale, di cui era amante invece un grande regista come Antonioni. Ciascun regista racconta in maniera personale e la medesima storia può essere narrata in modo differente.

Luca: Matilda ha anche qualche guizzo comico: per esempio, mi viene in mente la caduta di Torquato in mezzo al basilico, che si troverà in borsa e il cui profumo si porterà dietro.

Antonietta: la comicità nasce quasi sempre da una situazione di comodità. Sono comunque momenti che stemperano la tensione.

Sabina: nel finale poi si nota la messa in campo di fraintendimenti come il duplice mazzo di fiori dopo l’incidente che vuole far supporre la morte di entrambi.

Antonietta: perché la mia intenzione nei confronti dello spettatore è sempre quella di deviare, di tenerlo attento; è fondamentale creare questo tipo di curiosità e poi, in tutta sincerità, nella parte conclusiva che hai ricordato, c’è proprio il regista che vuole giocare.

Camilla: un altro momento fraintendibile è quando si sente nel corridoio dell’ospedale cadere Torquato tutto ingessato e qui siamo portati a pensare che la sfortuna continui a perseguitarlo, anche dopo aver svelato il tutto.

Antonietta: Giustissimo! Come vedete, ci piace giocare con gli spettatori in modo leggero: “Non è vero ma ci credo”. Semplicemente la trazione si era rotta, si ironizza ma non in modo cattivo. Vorrei indugiare con voi sulla poetica dell’opera: cosa si vuole trasmettere veramente. Qui è un sentimento: non arrendersi, non soccombere rispetto alle avversità della vita, come avete sottolineato anche voi nelle vostre riflessioni a caldo, immediatamente dopo la visione.

Giulia: nel film ci ho visto anche il messaggio che ci può essere una relazione possibile tra ricchi e poveri, tra persone altolocate e non, però unite, in questo caso, dalla cultura che li accomunava.

Antonietta: era voluto: Matilda doveva essere il prototipo della donna ricca e sfortunata e Torquato dell’uomo assai modesto ma che aveva dalla sua la cultura, che era il terreno comune su cui nascerà l’affinità. Per me è stato così: io sono nata in un quartiere e là sarei rimasta ma nel momento in cui mi spostavo in contesti diversi, trovavo che riscontrare elementi che uniscono è bello, mischiarsi è bello, stare in ascolto degli altri, visitare luoghi e persone diverse è altrettanto bello. Non perdete mai la curiosità e la capacità di ascolto e di scelta.!

Carlo Alberto: gli ambienti e le atmosfere sono particolari, non puoi non notarli.

Antonietta: Gli ambienti rappresentano il carattere, non sono neutri. Noi rassomigliamo agli ambienti che abitiamo: sarebbe interessante a questo proposito parlare dei pesci, per esempio, che assorbono l’ambiente in cui vivono. L’ambiente è determinante anche rispetto alla formazione di noi come persone.

Giulia: qualche volta notavo che ciò che mancava terribilmente a Matilda: un fidanzato, una famiglia, lei nei momenti di depressione e disperazione, lo vedeva poi ovunque passeggiasse: riprese lente di un bambino nel passeggino, di due amanti che si baciavano.

Antonietta: lì c’è un artificio tecnico. La lentezza di quelle riprese sottolinea, nello sguardo dello spettatore, uno stato d’animo depresso. La velocità innesca il meccanismo opposto.

Camilla: tendiamo a vedere più spesso ciò che è legato ad un sentimento forte, anche ciò che non ci piace affatto, oltre a ciò che ci piace prepotentemente.

Antonietta: Vero.

La classe 3°C

 

Analisi dell’inquadratura per la realizzazione di un ritratto

Antonietta: l’inquadratura borda il fotogramma, la composizione di un’immagine. Attenzione agli elementi fondamentali che sono lo sguardo, il viso. Possiamo anche scegliere come sistemare il soggetto in posa: se deve essere piatto o a ¾. Bisogna valutare la luce, da quale parte scattare, considerando anche lo sfondo naturalmente. Il punto di vista è importante, può essere anche rivoluzionario, un dolly, più alto, più basso, usando lo zoom. L’inquadratura è come un quadro: vive di pesi e di misure. Anche la non centralità del primo piano restituisce un’immagine composta, è una scelta di campo precisa.

Tutti i ragazzi iniziano a cimentarsi con il loro i-pad, con l’aiuto della regista,  sulle diverse inquadrature, cercando di fare un ritratto di un loro compagno di classe.

scuola4

 

scuola5

Questo secondo incontro termina con la proposta da parte della regista ai ragazzi di iniziare a comporre un ritratto della classe, lasciando a loro la scelta della chiave di lettura e il percorso da seguire.

Buon lavoro!

Continua …