diario di bordo – 9° giorno

IL PRANZO DI NATALE film partecipato

16 dicembre, 9° giorno – incontro con la regista e con l’attore Luigi Petrucci

Nel nono giorno del progetto cinema AD OCCHI APERTI i ragazzi della 3°C dell’istituto Perlasca di Roma incontrano la regista Antonietta De Lillo e l’amico e attore Luigi Petrucci. I ragazzi, entusiasti della presenza dell’attore che hanno riconosciuto nel penultimo film visto MATILDA , ne approfittano per porre domande all’ospite: dal significato dell’essere attore, come ci si immedesima in un personaggio e qual’è il percorso da intraprendere, la differenza tra cinema e teatro dal punto di vista attoriale, che legami si creano tra gli attori e i registi e tanto altro ancora …

 

p4

 

Dopo aver parlato con l’attore, i ragazzi si concentrano sull’analisi dell’ultimo film visto IL PRANZO DI NATALE film partecipato e ne parlano con Antonietta: 

Camilla: Io avevo pensato che lo scopo del film stava in quella frase “Per vedere quello che ancora non vedi”, ho creduto che ci fosse l’idea di voler affrontare, con il pretesto del Natale, tanti temi. Mi ha colpito soprattutto l’inquadratura iniziale del bambinello.

Antonietta: Quella immagine per me voleva custodire il significato del Natale, il bambinello che veniva cullato, una metafora buona; invece la RAI l’ha reputata un’immagine troppo forte. Era in realtà un contributo realizzato da un video-artista, che a me è parso molto bello ma dovete considerare che la televisione tende sempre a essere molto rassicurante e, se percepisce qualcosa fuori dai canoni, tende ad essere bloccante. Ma, per sperimentare, bisogna ogni tanto uscire fuori dal binario, pur preservando sempre il dovuto rispetto. Nella vita siate coraggiosi! E’ vero Camilla quello che dicevi: dietro questo film si nascondono tanti argomenti dentro il Natale, che ne è l’argomento principale. Esiste sempre un testo e un sotto testo. Nel film partecipato soprattutto c’è la voglia di raccontare l’Italia e noi stessi attraverso un momento unico qual è il Natale.

Mattia: A me è parso che questo film in più parti metta in risalto i ricordi della fanciullezza, dal punto di vista dei bambini in più occasioni, per recuperare la spontaneità.

Antonietta: Io mi sento parte di una comunità, di uno stesso cielo, sento di dovermi occupare anch’io del futuro. C’è nel film una battuta del bambino che mi piace tantissimo per la sua spontaneità disarmante: “Ma a chi piacciono le caramelle al caffè?”. Non riesce neanche ad immaginare lontanamente che ci sia qualcuno al mondo a cui piacciono.

Giulia: Oggi i bambini il materialismo lo respirano, ma io credo che vivrebbero diversamente il Natale se gli adulti trasmettessero altri valori non consumistici. Tutta questa smania di comprare…..

Antonietta: Il film ha il desiderio di raccontare la società, sembra dire: “Ti misuro in base a quanti regali hai”. E’ giusto capire, di rimando, che è troppo, che non ci dà la felicità, come nemmeno il contrario, il troppo niente, nel rifiuto ostentato di tutto, troppo salutisti, solo ecosostenibili ecc.

Sara: Peccato che sembri che questo spirito natalizio non ci sia più.

Antonietta: Il Natale è una rappresentazione come in teatro, al cinema: possono in questa occasione, nel ritrovarsi insieme, scoppiare più conflitti o riscoprirsi affetti dimenticati, persi. Il Natale non è un momento qualunque, è uno spazio dedicato alla vita privata, ha tante sfaccettature e il film penso lo racconti.

Camilla: Io ho notato che la famiglia è molto valorizzata, si parla dell’importanza dello stare insieme. E si inquadra Berlusconi nel suo osteggiare la famiglia allargata, delle coppie omosessuali, che poi alle volte si rivelano assai più felici. Sinceramente io, nel guardare due persone dello stesso sesso baciarsi, mi sconvolgo ma poi, vedendo la loro felicità, mi chiedo chi sono io per giudicare le loro scelte.

Antonietta: Non devi sentirti in colpa per quello che provi. E’ assolutamente normale, per il contesto culturale ed educativo nel quale siamo cresciuti, che si possa avvertire la diversità delle scelte sessuali come incomprensibile o comprensibile ormai ma stridente. La cosa bella però è che ti interroghi; la cosa importante è ascoltare e pensare con la propria testa.

Sabina: In questo film lei dove ha preso i tanti attori che compaiono?

Antonietta: Li ho presi un po’ casualmente. La casualità è importante. Mi preme farvi riflettere su questo aspetto: il fattore Destino, la Fortuna. Noi dobbiamo confrontarci con la consapevolezza che nella vita, come non si può sempre improvvisare, non si può neanche decidere tutto a priori. Noi non possiamo governare tutto. La professoressa Mennella, per esempio, mi aiuta a incanalare il mio modo di insegnare e di rapportarmi a voi.

Francesca: Mi ha colpito constatare, non so se mi sbaglio, che comunque il film, riguardo ai giovani, tiene accesa la speranza.

Antonietta: Pensa che questo film era un cortometraggio “Caro Babbo Natale, regalami un futuro”: era improntato sulla protesta perché gli studenti avevano manifestato violentemente con atti vandalici nel centro di Roma, che era in stato d’assedio. Addirittura gli stessi studenti, con un’iniziativa sorprendente, avevano bloccato la tangenziale. Comunque protesta, per ricollegarmi alla tua domanda, non disgiunta dalla speranza di cambiare le cose.

p3

L’ incontro termina con alcune considerazioni fatte dalla regista sul film partecipato:
Il film partecipato è costituito da una serie di contributi anche assestanti. Il protagonista assoluto è il montaggio in questo genere di film. Bisogna scomporre il tutto per creare un piano di lavorazione, a governare il quale, tante volte, ci sarà l’ambiente. Normalmente un qualsiasi altro film di finzione parte da una sceneggiatura che ne è l’ossatura; in un film partecipato c’è tanto materiale in libertà e il momento del montaggio è quello in cui si personalizza il lavoro. E’ una modalità che ha molto a che vedere con la musica: deve essere talvolta più veloce, talvolta più lenta.
Antonietta De Lillo

La classe 3°C

Continua …