FARE UN FILM



Se può essere scritto, o pensato, può essere filmato.
 
Stanley Kubrick

Con questa convinzione, nasce il progetto FARE UN FILM, ideato da Antonietta De Lillo e realizzato dall’ Associazione Fuori dal pollaio, con il contributo della SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori e della Regione Lazio.

FARE UN FILM è un progetto formativo strutturato su attività di workshop e tutoraggio, strettamente legate al processo creativo e realizzativo dell’opera filmica, che punta a selezionare e sostenere, nel loro percorso, autori che vogliano realizzare opere di cinema del reale sul tema L’ UOMO E LA BESTIA, soggetto denso di implicazioni artistiche, sociali e politiche del prossimo film partecipato.

FARE UN FILM si rivolge a tutti i filmaker maggiorenni di qualunque nazionalità che, professionisti e non, siano interessati a un percorso di alta formazione nel campo cinematografico, che li metta a confronto con professionisti del settore e alla prova sul terreno della concreta costruzione e realizzazione di un film.

Il progetto si svolgerà in due fasi, ognuna delle quali prevede il raggiungimento di un traguardo formativo.

Nella prima fase, si offre la possibilità a 15 autori – selezionati tra tutti quelli che avranno inviato la logline di un progetto di film documentario sul tema L’UOMO E LA BESTIA – di partecipare a un workshop intensivo di tre giorni, presso la Casa del Cinema di Roma, partner del progetto, con un tutor per la regia – il regista Giovanni Piperno – e un tutor per la produzione, il produttore Luca Ricciardi.

Il workshop, che si focalizzerà sull’ analisi del processo creativo di una storia, dall’ idea alla messa a punto della forma visiva, vedrà anche la partecipazione di Massimo Proietti, Head of Optics and Camera Service della PANALIGHT S.p.A., main sponsor del progetto, che metterà a disposizione le proprie attrezzature per il cinema.

Nella seconda fase, a seguito della valutazione dei progetti sviluppati e di una giornata di pitching, una giuria composta da cinque personalità del panorama cinematografico italiano – l’autrice Eleonora Danco, la regista Antonietta De Lillo, la produttrice Marta Donzelli (Vivo Film), Annamaria Granatello (Presidente Premio Solinas), Giacomo Ravesi (Curatore “Racconti dal vero” – Apollo 11) e il regista Daniele Vicari – sceglierà, tra i 15 autori, tre finalisti ai quali FARE UN FILM offrirà supporto alla realizzazione del proprio film documentario attraverso: l’affiancamento di quattro tutor (i due tutor del workshop insieme a Greta De Lazzaris/tutor per la direzione della fotografia e Giogiò Franchini/tutor per il montaggio); la disponibilità di utilizzo di attrezzatura tecnica per le riprese, gentilmente concessa dalla PANALIGHT S.p.A.; tre postazioni montaggio gentilmente concesse da marechiarofilm e Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volonté, partner del progetto; 1.000 euro per le spese vive.

Inoltre, durante la giornata di pitching, sarà assegnato il “Premio Aamod”: 5 minuti di repertorio da utilizzare liberamente per la realizzazione di un’opera. 

Un rappresentante di Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani, partner dell’evento, selezionerà un progetto che potrà partecipare alla prossima edizione degli Italian Doc Screenings.

La realizzazione dei tre documentari partirà la prima settimana di agosto e si concluderà a novembre 2018.

FARE UN FILM, che gode anche del supporto dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, dell’Università degli Studi “Roma Tre”, dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, si concluderà con una festa finale che si svolgerà a dicembre 2018 a Roma, durante la quale verranno proiettati i teaser trailer dei tre film documentari realizzati, alla presenza di una giuria popolare composta da studenti di cinema, che consegnerà un premio al must see della serata.

BANDO
IL BANDO



1.
Cos’è FARE UN FILM

FARE UN FILM è un progetto formativo, ideato e realizzato dall’ Associazione Fuori dal pollaio, con il contributo della SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori e della Regione Lazio, strutturato su attività di workshop e tutoraggio, dedicato all’ individuazione e al sostegno di autori, e di tutti i professionisti e non, che siano interessati a realizzare un film documentario sul tema L’UOMO E LA BESTIA.

FARE UN FILM è realizzato con il sostegno di Aamod, Apollo 11, l’Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico, Casa del Cinema di Roma, Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani, marechiarofilm, PANALIGHT S.p.A., Premio Solinas, Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volonté, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Università degli Studi “Roma Tre”, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

2. Destinatari

FARE UN FILM si rivolge a tutti i filmakers che, professionisti e non, siano interessati a un percorso di alta formazione finalizzato alla realizzazione di un’opera cinematografica a carattere documentaristico sul tema indicato.

3. Finalità

FARE UN FILM offre sostegno agli autori per realizzare la propria opera di cinema del reale sul tema l’UOMO E LA BESTIA.

Il progetto è diviso in due fasi, ognuna delle quali prevede il raggiungimento di un traguardo formativo:

  • Nella prima fase, FARE UN FILM offre la possibilità a 15 autori – selezionati tra tutti quelli che avranno inviato la logline (e materiali correlati) di un progetto di film documentario sul tema L’UOMO E LA BESTIA – di partecipare gratuitamente a un workshop di sviluppo;
  • Nella seconda fase, una giuria composta da cinque personalità del panorama cinematografico italiano, con particolare sensibilità per l’universo del cinema documentario – l’autrice Eleonora Danco, la regista Antonietta De Lillo, la produttrice Marta Donzelli (Vivo Film), Annamaria Granatello (Presidente Premio Solinas) e il regista Daniele Vicari – sceglierà, tra questi 15 autori, tre finalisti ai quali FARE UN FILM offrirà supporto alla realizzazione del proprio film documentario.

4. Come partecipare

Per partecipare, i candidati dovranno inviare a [email protected]:

  • domanda di partecipazione in formato pdf (vedi Allegato A);
  • documentazione informativa relativa all’opera in formato pdf (vedi Allegato B):

• logline (max 200 battute)

soggetto (max 500 battute);

• visual mood (max 500 battute);

note di fattibilità (max 500 battute; allegato facoltativo).

  • curriculum vitae del candidato in formato pdf;
  • copia di un documento di riconoscimento valido, in formato pdf o jpg.

5. Termine ultimo per l’invio delle domande di partecipazione

Le domande di partecipazione dovranno giungere alla mail dell’Associazione Fuori dal pollaio [email protected], entro e non oltre il giorno 31 maggio 2018.


6.
Svolgimento

  • FARE UN FILM richiede la presentazione, entro il 31 maggio 2018, di una logline e tre brevi testi – soggetto, visual mood, note di fattibilità (allegato facoltativo), relativi a un’opera cinematografica a carattere documentaristico sul tema L’UOMO E LA BESTIA, senza limite di durata.
  • Entro il 15 giugno 2018, l’Associazione Fuori dal pollaio selezionerà, tra tutte le logline pervenute, 15 proposte progettuali, gli autori delle quali potranno partecipare gratuitamente a un workshop di sviluppo tenuto da un tutor per la regia, Giovanni Piperno (regista), e un tutor per la produzione, Luca Ricciardi (produttore).
  • Il workshop, della durata di tre giorni, si terrà presso la Casa del Cinema di Roma a fine giugno-inizio luglio 2018, con il seguente orario: 09:00-13:00; 14:00-18:00.
  • Obiettivo del workshop è l’analisi del processo creativo di una storia, dall’idea alla messa a punto della forma visiva. Il lavoro collettivo si svilupperà attorno all’analisi delle logline presentate dai partecipanti, per individuarne possibili percorsi di realizzazione.

•  Il primo giorno si lavorerà su come trasformare una logline in un racconto, quale punto di vista assumere e con quale stile raccontare.

•  Il secondo giorno si parlerà di come dare forma visiva al racconto e come effettuare le riprese, fornendo ai partecipanti indicazioni logistiche e organizzative finalizzate alla concreta fattibilità dei loro progetti nei tempi prestabiliti e con i mezzi che avranno a disposizione. Previsto l’intervento di Massimo Proietti (Head of Optics and Camera Service, PANALIGHT S.p.A.) che farà un excursus sull’evoluzione del digitale nel panorama audiovisivo odierno, in relazione alle attrezzature che verranno messe a disposizione dell’azienda per la realizzazione dei progetti finalisti.

•  Il terzo giorno, partendo sempre dal lavoro di preparazione per la realizzazione dei documentari dei partecipanti, si parlerà di suono, montaggio e finalizzazione del lavoro. Non si tratterà solo degli aspetti tecnici ma si porrà l’attenzione su come non tradire il punto di vista assunto durante questa fase delicata di ricomposizione del racconto per immagini

  • Al termine del workshop, gli autori dovranno sviluppare la logline e il soggetto iniziali in una struttura più articolata, attraverso le linee guida segnalate in una scheda che verrà loro fornita. Per compilare la scheda, avranno a disposizione 15 giorni dalla conclusione del workshop.
  • Le schede verranno sottoposte all’attenzione dei tutor e della giuria.
  • Entro il 31 luglio 2018, si terrà alla Casa del Cinema di Roma una giornata di pitching sui 15 progetti. I candidati terranno pitch di 15 minuti sul proprio progetto alla presenza, della giuria, dei tutor del workshop, di un rappresentante di Doc/it- Associazione Documentaristi Italiani, dei coordinatori del progetto FARE UN FILM. Su richiesta potranno partecipare alla giornata, in qualità di uditori, anche coloro che non sono stati selezionati per la partecipazione al workshop, fino a esaurimento posti.
  • Nel pomeriggio, la giuria si riunirà prima con i due tutor del workshop e, successivamente, per la riunione finale.
  • A fine giornata verranno annunciati i tre finalisti ai quali sarà riconosciuto un secondo traguardo formativo, consistente in:

•  Per la realizzazione: Affiancamento da parte di quattro tutor – produttore Luca Ricciardi; regia Giovanni Piperno; direzione della fotografia Greta De Lazzaris; montaggio Giogiò Franchini – che, con la loro esperienza e personale sensibilità, accompagneranno gli autori nelle diverse fasi della realizzazione dei film documentari.

•  Per le riprese: disponibilità di utilizzo di attrezzatura tecnica per le riprese, gentilmente concessa dalla PANALIGHT S.p.A. (per un massimo di tre settimane).

•  Per il montaggio: disponibilità di tre postazioni montaggio gentilmente concesse da marechiarofilm e Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volonté (per un massimo di quattro settimane).

•  1000 euro per le spese vive.

  • Durante la giornata di pitching, un rappresentante di  Doc/it- Associazione Documentaristi Italiani selezionerà il progetto che potrà partecipare alla prossima edizione degli  Italian  Doc  Screenings.
  • Durante la giornata di pitching, l’Aamod assegnerà all’autore indicato da una seconda giuria, denominata “Premio Aamod”, composta da Antonietta De Lillo, Antonio Pezzuto, Giovanni Piperno e Luca Ricciardi, un premio consistente nella cessione diritti di cinque minuti di repertorio (territorio: Italia; media: tutti), da utilizzare per la realizzazione di una sua opera (il minutaggio potrà essere utilizzato in un’unica produzione entro cinque anni dall’assegnazione).
  • Gli autori finalisti avranno, da questo momento, circa quattro mesi per realizzare il proprio film documentario.
  • Cronoprogramma per la realizzazione dei documentari:

    I tutor del workshop saranno a disposizione degli autori selezionati per fornire la propria consulenza sugli aspetti della organizzazione, produzione e realizzazione artistica dei documentari. In questa fase saranno affiancati da altri due tutor (direzione della fotografia: Greta De Lazzaris; montaggio: Giogiò Franchini)

Lo sviluppo dei documentari procederà secondo il seguente programma:

•  Entro la prima settimana di agosto 2018, prima riunione per i 3 autori selezionati con i tutor sulla pianificazione delle riprese (produzione, regia, direzione della fotografia);

•  Entro il 15 ottobre 2018 realizzazione delle riprese e seconda riunione con i tutor (produzione, regia, direzione della fotografia, montaggio), sulla base della visione di una selezione del materiale girato e acquisito, in vista dell’inizio del montaggio;

•  Entro il 31 ottobre 2018 realizzazione di un premontato e terza riunione con i tutor sulla chiusura del montaggio e la post-produzione (produzione, regia, direzione della fotografia, montaggio);

•  Entro il 20 novembre 2018 realizzazione del montaggio definitivo. Quarta e ultima riunione con i tutor (produzione, regia, direzione della fotografia, montaggio);

•  Entro il 10 dicembre 2018 consegna dei film finiti.

I termini sopra indicati sono vincolanti per la partecipazione al concorso e qualora non rispettati determineranno l’obbligo di esclusione dal percorso formativo e la restituzione immediata dei fondi e dei mezzi accordati ai 3 autori finalisti.

  • FARE UN FILM si concluderà con una festa finale che si svolgerà entro dicembre 2018 a Roma, durante la quale verranno proiettati i teaser trailer dei tre film documentari realizzati, alla presenza di un giuria popolare composta da studenti di cinema che consegnerà un premio al must see della serata.


7.
Accettazione del bando

Le norme del presente bando e del regolamento si intendono automaticamente accettate dai partecipanti di FARE UN FILM.

 

 
 
 

CHI SIAMO



un progetto a cura di Antonietta De Lillo

coordinamento progetto Veronica Flora

coordinamento workshop Antonio Pezzuto

produzione Alice Mariani, Carolina De Lillo Magliulo

redazione Susanna Terribile

amministrazione Maria Elena Castro

grafica Cristina Lavosi

grafica logo COMUNICA ORA

video Elisabetta Giannini

ufficio stampa Studio PUNTOeVIRGOLA

comunicazione social Cristina Brizzi

webmaster Salvatore Langella

 
tutor
 
Greta De Lazzaris
Giogiò Franchini
Giovanni Piperno
Luca Ricciardi
 
giurati
 
Eleonora Danco
Antonietta De Lillo
Marta Donzelli
Annamaria Granatello
Giacomo Ravesi
Daniele Vicari


realizzato dall’ Associazione Fuori dal pollaio

con il contributo della SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori e della Regione Lazio

con il sostegno di Aamod, l’Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico, Apollo 11, Casa del Cinema di Roma, Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani, marechiarofilm, PANALIGHT S.p.A., Premio Solinas, Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volonté, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Università degli Studi “Roma Tre”, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”