Fili invisibili


Elena con la piccola Benedetta, la prima figlia nata in Italia, nel 1993 va a vivere in India dove sposa Baba Ji, col quale ha altri tre figli. Il fratello Manolo, maestro di sci, sposa dopo vent’anni una sua ex allieva belga ed hanno una figlia, Clara, che ha 6 anni e vive tra Bruxelles (insieme al fratello adottivo Alexandre, etiope, oggi sedicenne) e Alagna, piccolo comune delle Alpi. Una famiglia che abbraccia il mondo intero. Il viaggio del regista inizia dall’India dove vola ad incontrare l’amica Elena che non vede da 18 anni, e poi a Bruxelles, dove vive Clara.

Seguendo l’indicazione dello scrittore Orhan Pamuk “Le storie individuali sono di gran lunga più adatte a illustrare quanto sia profonda la nostra umanità”, il regista Andrea Papini ha realizzato un “appunto a matita” su una eccentrica famiglia di amici. Riprese realizzate con una piccola videocamera, che meritano di essere editate e mostrate a un pubblico più vasto di quello familiare. Sono scritti veloci e imprecisi, ma realizzati con la grafite, che contiene il carbonio, la materia della vita.


montaggio Maurizio Baglivo
musica Francesco Illiano
formato HD