due giorni di incontri e proiezioni a Casa del Cinema

Usa e getta non è un convegno né una rassegna. Piuttosto due giorni di incontri aperti e libere riflessioni su che cos’è il found footage e su come si sono evoluti  nel corso del tempo il suo l’utilizzo e la relativa teorizzazione.

Il found footage, nell’accezione comune, indica la trasformazione e la reinterpretazione di qualsiasi tipo di immagine già utilizzata, sia essa stata scoperta casualmente o selezionata, recuperata-riciclata allo scopo di realizzare opere inedite.  Nasce come pratica di ri-significazione di immagini preesistenti, talvolta dal sapore satirico e politico, o violento e provocatorio come spesso nel cinema delle avanguardie. Che provenga da archivi o da  film hollywoodiani, dagli home movies e dai documentari, dal cinegiornale o dallo spot televisivo, ogni immagine può essere presa, smontata, rimontata e risignificata. L’aspetto che caratterizza il found footage rispetto ai film d’archivio tradizionale è proprio la volontà di ribaltare il valore referenziale dell’immagine originale indirizzando la percezione dello spettatore verso una nuova costruzione di senso.

Questi film ibridi costituiscono territorio di enorme interesse perché pongono una grande questione: che cosa sono le immagini? Si interrogano su dove si colloca il loro tasso di realismo, su cosa significa raccontare attraverso di esse e quali meccanismi permettono di far credere vera o falsa un’immagine e quindi una narrazione.

La rivoluzione tecnologica di questo inizio di millennio ha fatto fiorire una molteplicità di film di found footage spontanei e amatoriali volti alla rielaborazione di immagini tratte da film, telegiornali, archivi, filmini di famiglia o trovate causalmente sulla rete. E allo stesso tempo anche numerosi autori cinematografici hanno iniziato a utilizzare il found footage nelle sue diverse declinazioni per la realizzazione dei propri lavori.

Il concetto di found footage quindi offre interessanti spunti di riflessione sulla natura e il significato dell’immagine in sé e sull’evoluzione del linguaggio cinematografico. La possibilità di rielaborare e mettere le stesse immagini al servizio di più narrazioni mette infatti in discussione il valore di verità e univocità che fino ad oggi hanno portato con sé.

Questo aspetto di alterazione e smascheramento è stato alla base dell’utilizzo del found footage delle origini. Oggi invece che la diffusione del digitale ha portato al decadere del concetto di originale, l’immagine si apre naturalmente a una molteplicità e a una stratificazione di letture e significati. L’uso del found footage diventa così una pratica costante nella nostra vita quotidiana in cui le immagini vengono sistematicamente manipolate per soddisfare necessità comunicative pubbliche e private. Il riflesso che ci viene restituito da questo utilizzo è quello di una realtà frammentata in una moltitudine di micro-verità e punti di vista sempre più spesso sfacciatamente di parte.

Il film partecipato di marechiarofilm, che sarà oggetto di riflessione nella seconda giornata di incontro, nasce proprio dal desiderio di raccontare la realtà che ci circonda attraverso una narrazione collettiva e di contrastare la frammentarietà della nostra percezione attraverso un remix di frammenti di materiali e sguardi di autori diversi. La particolarità del film partecipato è nella sua vocazione di generare lavori di autori diversi destinati da una parte a diventare oggetto di found footage, di rimescolamento e rielaborazione in una narrazione collettiva, e al tempo stesso costruire uno scambio paritario che sappia affiancare e supportare ogni singolo autore e ogni singolo segmento facente parte del progetto.

Attraverso la visione di film, documentari, video arte, materiali reperiti sulla rete, l’incontro con autori che hanno utilizzato in varie forme il found footage, critici che lo hanno teorizzato e analizzato, responsabili dei più importanti archivi nazionali e docenti delle scuole di cinema e delle università, Usa e getta si propone di allargare la sua riflessione su quanto la consapevolezza della potenzialità di rielaborazione soggettiva dell’immagine possa portare a ripensare il linguaggio e le modalità di fare cinema per realizzare opere che siano più rappresentative e adeguate alla realtà che ci circonda.

Programma Usa e Getta_Pagina_4
Programma Usa e Getta_Pagina_5

Si ringraziano per la gentile concessione e per i materiali

Doclab – Virginia Eleuteri Serpieri – Indigo Film – Istituto Luce Cinecittà – Microcinema – Mir Cinematografica – Nicchia Film – Parallelo 41 – Rai Direzione Teche – Teatri uniti

Ufficio stampa
Studio PUNTOeVIRGOLA
fel. 06 39388909
fax 06 97258701
info@studiopuntoevirgola.com
www.studiopuntoevirgola.com

Per informazioni:
marechiarofilm
info@marechiarofilm.it
tel./fax 0677200242
Cristina Pignalosa
comunicazione@marechiarofilm.it
cel. 3882504248

usa1