facebook-logo-medium
logo-twitter_medium3

Sede Operativa:

Via Emanuele Filiberto, 56
00185 Roma
tel/fax +39 06 772.002.42

P.Iva - C.F. 09420581002

la_pazza_a_colori2


ASTRADOC
LA PAZZA DELLA PORTA ACCANTO
di Antonietta De Lillo


Dopo la presentazione al 31° Torino Film Festival, La pazza della porta accanto arriva a Napoli il 7 marzo alle ore 21,00 al Cinema Astra nell'ambito della rassegna AstraDoc.
Sarà l'occasione per mostrare in chiusura dell’incontro Frammenti d’amore per OIDA film partecipato, una selezione di contributi di diversa natura che andranno a comporre il film partecipato Oggi insieme domani anche.
 

facingoff252


IN PRODUZIONE
FACING OFF
di Maria Di Razza

Mentre Forbici continua inarrestabile il suo giro di festival, Maria di Razza è già al lavoro sul suo nuovo progetto di animazione Facing off, la storia di una donna che decide di entrare nel vortice della chirurgia estetica per dare una svolta alla propria esistenza. Una volta completata la trasformazione e sempre più insoddisfatta, sarà la vita inaspettatamente a correrle in soccorso...
 

letsgo_novembre


IN POST-PRODUZIONE
LET'S GO

di Antonietta De Lillo

e Giovanni Piperno


Luca Musella, fotografo, operatore, scrittore, oggi esodato professionalmente ed emotivamente, ripercorre la sua vita attraverso una lettera intimissima e un viaggio ideale attraverso l'Italia.
Finita la prima fase di riprese tra Napoli, città natale del protagonista, e Milano, il luogo della sua nuova vita. Il progetto è realizzato in collaborazione con la Film Commission Lombardia e la Film Commission Campania e in fase di scrittura si è avvalso della collaborazione del corso di sceneggiatura di Massimo Gaudioso alla Gian Maria Volonté.

Attraverso la commistione di linguaggi diversi - repertorio di Un posto al sole, repertorio giornalistico e il nostro girato -  si andrà a comporre un film come una sorta di puzzle, nel tentativo di mostrare il mondo attuale, un mondo ridotto a frammenti, un labirinto dove è difficoltoso ritrovarsi perché la direzione viene continuamente deviata,  smarrita.
Tale continua sovrapposizione e commistione di linguaggi darà luogo a un racconto visionario dai toni ironici, in uno scambio continuo tra realtà (repertorio) e finzione, tra persone e personaggi.