Non è giusto

 

Sofia e Valerio, 11 e 12 anni, s’incontrano casualmente, in una Napoli estiva, afosa e semideserta. Entrambi sono affidati ai loro padri, due quarantenni afflitti da ogni genere di problema, sentimentale ed esistenziale, mentre le loro madri sono assenti e lontane, all’infuori di brevi incursioni telefoniche. I due ragazzini si sentono continuamente minacciati dall’instabilità e la confusione delle loro famiglie. “Non è giusto…” si dicono, alleandosi per affrontare insieme il mondo degli adulti, con distacco e ironia. E a non averne più paura.

Il mondo degli adulti è come un castello di sabbia, le cui fondamenta si reggono  a malapena. Quali spazi si offrono ai bambini, perché possano conservare l’integrità della loro esistenza? Quali opportunità vengono loro concesse per il controllo delle proprie vite? Quali possibilità sopravvivono all’inconsapevole prevaricazione degli adulti? Le domande si susseguono, cercando di far luce su un territorio, quello dell’infanzia, ove comunemente approdano i dubbi e le incertezze della maturità.
Il mito della crescita non prevede inversioni di rotta, fuggendo senza pause dall’infanzia all’adolescenza, dalla maturità alla vecchiaia: il pericolo è quello di arenarsi o che la rotta subisca deviazioni involontarie e irreversibili che tradiscono i desideri, oppure che questo percorso non corrisponda nei fatti alla nostra volontà.
Esprimere questa volontà, dunque esercitarla, è la vera possibilità che rimane ai nostri bambini, una possibilità inalienabile e che la storia di Valerio e Sofia vorrebbe sopratutto affermare, prima ancora dell’effettiva capacità di metterla in pratica. Ritengo che in ciò risieda una delle motivazioni – forse per me la più importante – del film: il desiderio di restituire all’infanzia ciò che le è stato sottratto dal mondo degli adulti e, per altri versi, renderle anche ciò che gli adulti non hanno o non riescono a offrirle.
Non è giusto racconta perciò una storia di crescita, di amicizia e di coraggio; una storia capace di sfiorare, in taluni momenti, anche toni ironici e fiabeschi, pur mantenendosi nei limiti di un rigoroso realismo, imposto dall’intenzione di mostrare il caos e l’instabilità che circonda noi e i nostri figli.
Antonietta De Lillo

sceneggiatura Mattia Betti, Antonietta De Lillo
cast Valerio Binasco, Nadia Carlomagno, Antonio Manzini, Monica Nappo, Lucia Ragni, Maddalena Polistini, Daniel Prodorno
montaggio Giogiò Franchini
musiche Antonio Fresa
fotografia Cesare Accetta
costumi Costanza Licenziati
suono Max Gobiet
scenografia Giancarlo Muselli
formato 35 mm