diario di bordo – 15° e 16° giorno

 

LA PAZZA DELLA PORTA ACCANTO
16/23 febbraio  – analisi e feedback

I ragazzi si sono cimentati nell’analisi del videoritratto su Alda Merini questa volta con un approccio diverso; ognuno ha pensato a una canzone che in qualche modo avesse legami o connessioni con la poetessa e il suo vissuto.

 

Connessioni con Alda Merini

Ti regalerò una rosa – Simone Cristicchi
Lui regala una rosa con cui dimentica tutto il dolore provato in manicomio… sono apostoli di Dio che non li vuole fa riferimento al disprezzo generale, a una società che non accetta i folli, invita a uno sguardo interiore più profondo che non si ferma al superficiale guardate tra me e voi chi è il più pericoloso
Tommaso e Camilla

Il regalo più grande – Tiziano Ferro
Vorrei donare il tuo sorriso alla luna perché di notte chi la guarda possa pensare a te Immagino che la poetessa abbia più volte desiderato questo, pensando ai figli che le sono stati strappati
Luca

Potremmo ritornare – Tiziano Ferro
A leggere il testo sembra una canzone d’amore come tante furono le poesie d’amore di Ada Merini, ma la canzone lascia aperto il dubbio, parla delle scelte complicate come tante ne fece la poetessa …scelgo sempre e solo una strada, la stessa, scelgo sempre la più lunga. Ribadisce il valore della parola vita quella che ci piove addosso nel caso della Merini. Passo la vita sperando mi capiscano…
Federica

Il sentierio dei nidi di ragno – Lowlow
Parla del manicomio in cui sono rinchiusi tutti i geni e mi trasmette il ricordo della vita di Alda Merini perché il tono della canzone è cupo, solitario come la vita della poetessa, perché parla di temi come la morte: C’è una lapide con scritti i nostri nomi… L’immortalità dell’arte a cui fa riferimento serve per dire che le canzoni e le poesie in sé non ti possono salvare, solo chi le legge deve metterle in atto. La musica è un mezzo per prenderti ciò che vuoi, io sono solo una voce, siete voi gli eroi, come la poesia era per la Merini.
Giorgia e Carlo Alberto

La guerra di Piero – De Andrè
Sparagli Piero, sparagli ora mostra la pazzia, la sofferenza della guerra come il dolore della battaglia in un certo senso combattuta dalla poetessa. Che la tua vita quel giorno e non ci sarebbe stato un ritorno, la Merini ogni volta che entrava in manicomio pensava che non ci sarebbe mai più uscita
Enrico

La festa dei folli – Riccardo Cocciante
Folli in questa canzone si intendono i diversi, gli zingari, per i loro costumi, le loro tradizioni. Lasciate che sia mia la voce che dà il via e spegne l’allegria folle alla follia, allegria intesa come un loro essere svitati, come era la Merini agli occhi degli altri cosiddetti normali. Quel mostro che laggiù nascosto se ne sta nel suo mostruoso buco mi ricorda quando la poetessa diceva che era inutile opporsi, la sua tranquillità mostruosa in manicomio era però scelta per non soffrire oltre misura.
Francesca

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua …