diario di bordo – 20° e 21° giorno

IL RESTO DI NIENTE
31 marzo – 20° giorno, feedback e analisi del film

 

 

Ecco alcune impressioni dei ragazzi dopo la visione del film Il Resto di Niente

Francesca: A livello di costumi, scenografie e riprese, devo dire che rispecchia molto quel periodo storico che avevo già respirato nel libro, che ho letto solo in parte. L’ho trovato davvero particolare, nell’ambientazione, nelle scelte, coinvolgente perché ti faceva immergere nella storia del film.

Luca: Nel complesso il film era originale, evidentemente ben fatto. Ho trovato difficile capire il linguaggio del popolo in napoletano stretto, mi buttava fuori. Entravo dentro quando gli attori mi ci riportavano con l’intensità dell’interpretazione.

Marco: Il film, sì carino, ma alcuni dialoghi per me erano incomprensibili. Bella la ricostruzione del popolo, l’atmosfera che la regista ha creato in quelle scene mi piaceva.

Sara: Intanto è un bel film. Io non trovo affatto che il napoletano non si potesse capire, bastava contestualizzarlo. Mi è parso un film un po’ disordinato con brandelli di episodi: mi perdevo talvolta nelle relazioni personali della protagonista, per esempio. Mi ha colpito la pacatezza di Eleonora, la sua coerenza nel disegno della regista. Notavo che prestavo molta attenzione in alcune scene e poi invece l’attenzione cadeva in alcune altre.

Alla fine dell’analisi i ragazzi, numerosi, hanno appuntato in tanti le medesime frasi che per loro hanno significato qualcosa:

  • Diritto alla felicità
  • Essere bambini fino in fondo
  • Natura crudele
  • Vita e morte
  • Libertà-oppressione
  • Diritto alla sovranità del popolo: ignoranza popolare
  • Rivoluzione contraddittoria: innovatori-conservatori
  • Doppia natura dell’aristocrazia: scurrile, rozza e superficiale da un lato e coraggiosa e intellettuale dall’altra
  • Rappresentazione cupa della Napoli del tempo
  • Scelte registiche: flashback-disegni stilizzati-voce fuori campo.

 

 

7 aprile – 21° giorno, incontro con la regista

Riflessioni e domande fatte dai ragazzi nel giorno di incontro con Antonietta

Luca: Ci sono state difficoltà sul desk screen?
Antonietta: Bravo! Sei molto sensibile. Io sentivo che erano in mezzo al nulla, come se fossero in bidimensionale. Gli ambienti in cui ci troviamo in realtà ci influenzano, dialogano con noi. Il film racconta in un’epoca di globalizzazione, di una certa omologazione; oggi per mettere in scena quello che è invisibile, bisogna attingere da ciò che si conosce di più. Mi volevano far girare “Il resto di niente” in Marocco perché costava meno ma la rivoluzione del film era una situazione che aveva delle radici molto forti. Per accogliere la collettività bisogna avere dei confini e questo è anche un film che ti racconta la città.

Sara: Sin dall’inizio, quando si parlava in napoletano, che stranamente ho capito, la cosa che mi ha colpito di più è stata la pacatezza della protagonista, nonostante ho sempre pensato che per una ribelle servisse un po’ d’animo.
Antonietta: Era così il personaggio nel libro stesso, che ha avuto tanto successo, di cui però l’autore non ha goduto. Io non avrei mai fatto un film sulla Repubblica Napoletana se non avvicinandomi all’Eleonora di Striano, che non rinuncia alla sua femminilità, ma anche alla sua integrità, fragile e forte contemporaneamente.

Mihai: Una delle immagini che più mi ha colpito del film è “la tazzina di caffè prima di morire.”
Antonietta: Sì. La “lazzarella” che porta il caffè alla protagonista in punta di morte mi interessava che fosse giovane perché Eleonora sentisse l’odore della vita mentre a lei la vita stava sfuggendo. Il film può raccontare quello che non si vede, qui ha molte complessità: tra una scena e l’altra se ne accavalla un’altra ancora, una scelta che si realizza nel montaggio, in cui però devi prevedere le riprese, immaginando come può funzionare.

 

Continua…