Il Film Partecipato trattato al MashRome Film Fest

Panel REMIX IS EVERYWHERE

Tutto è Remix: il processo di mixare materiali da fonti diverse, che siano suoni, letteratura o musica pop, ha una dignità artistica.
Cos’è il film partecipato? E’ anch’esso un remix? e in che forma? quali sono le modalità?
Remix is Everywhere” è il panel all’interno del MahRome Film Fest, nel quale artisti, registi e critici si sono confrontati, analizzando l’arte e le modalità del Remix.

Ampio spazio è stato dato al progetto/idea  FILM PARTECIPATO, di cui l’ideatrice, la regista  Antonietta De Lillo e l’attrice/regista Aglaia Mora ne hanno spiegato i concetti fondanti e le modalità di espressione.

Quelle che seguono sono alcune foto corredate da stralci di intervento sul film partecipato.

IMG_2477

 

 

 

 

 

 

Cosa è il film partecipato ideato da Antonietta De Lillo?

[In generale in tutto il suo percorso artistico Antonietta De Lillo è mossa da un desiderio di condivisione e partecipazione. Parallelamente a questo c’è l’interesse per l’evoluzione tecnologica e come questa evoluzione permette di cambiare l’estetica e il contenuto del linguaggio cinematografico, nonché le modalità produttive.

  • bisogno di partecipazione e condivisione;
  •   curiosità e interesse verso per la tecnologia;
  •  le potenzialità della rete;
  • il bisogno di aprire la figura dell’autore a favore di un’idea di circolarità autore-spettatore;
  • Il sospetto che le immagini possano essere rimodulate a seconda delle piattaforme che lo presentano.
  • La volontà di costituire marechiarofilm come un luogo di accoglienza e una piattaforma di incontro tra autori di diverse generazioni, offrendo l’occasione ai più giovani di lavorare al fianco di professionisti di comprovata esperienza…]

IMG_2493

 

 

 

 

 

 

Perché un film partecipato?

[Perché la realtà è stata raccontata in maniera individuale e di parte; e quindi una molteplicità di sguardi ci può restituire il senso della narrazione e un ritratto a 360° della realtà che ci circonda. E perché la possibilità tecnologica che si è venuta a creare asseconda una necessità umana che è quello di creare sempre meno distinzione tra schermo e platea…]

 

Da un punto di vista produttivo, dobbiamo dire che:

 […Frutto proprio del senso di questo approccio è che l’obiettivo non sia il film finale ma proprio il progetto. Sarebbe quindi possibile e auspicabile che all’interno di esso nascessero documentari che abbiano una loro strada, visibilità e riconoscimenti che diventare anche più rilevanti di quelli del film partecipato stesso. Quello che rappresenta la peculiarità del film partecipato rispetto ai precedenti esempi di film crowdsourced italiani e internazionali è proprio la volontà di non porre la realizzazione del film di remix come unico centro del progetto, ma di lavorare insieme per consentire ai singoli autori che ne prendono parte di realizzare delle opere che abbiano la forza di vivere anche autonomamente. La collettività e la condivisione quindi anche come occasione di realizzazione creativa individuale.

IMG_2488

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.