#CARINOI – Lettera aperta a Valerio Carocci


17 giugno 2020

Caro Valerio Carocci,

tu e I ragazzi del Cinema America state facendo qualcosa di importante e raro. 

Non mi riferisco soltanto alla vostra bravura nel far vivere luoghi abbandonati e nel riempire le piazze di persone che apprezzano la qualità della vostra programmazione e sentono la dedizione e il lavoro che c’è dietro alle vostre serate. Mi riferisco anche e soprattutto a quanto è accaduto nelle ultime settimane, che mi ha colpito per il vostro coraggio e, ancor di più, per la vostra determinazione a rendere pubblici i tanti ostacoli che troppo spesso costellano la vita delle persone che cercano di fare al meglio il proprio lavoro.

In questo Paese a volte si ha l’impressione che ci sia una strana congiuntura astrale per cui le cose accadono al contrario, e succede sempre più spesso che realtà che andrebbero premiate si trovino improvvisamente isolate da una serie di azioni che, seppur lecite, nel loro insieme sembrano far parte di un disegno invisibile e punitivo. Apprezzo la vostra capacità di fare della “buona politica”, offrendovi come punto di riferimento e dando voce alle tante realtà di resistenza culturale che come voi operano da anni, il più delle volte con risorse minime o inesistenti, e che si trovano anche loro nella posizione di essere percepite come “disfunzionali” al sistema, costrette ad affrontare ostacoli sfiancanti che spesso finiscono per bloccare i loro progetti culturali. E’ importante che voi vi proponiate come punto di riferimento per tutte queste realtà sparse per l’Italia che credono nella cultura, a cui dedicano con passione anni e anni della propria vita.

Mi è sembrato di notare che nei vostri confronti ci sia stato da più parti, anche da quelle che vi sono state più vicine fino a oggi, una sorta di allontanamento, quasi a farvi notare che non è il momento giusto per sollevare questioni. Quest’invito al “buon senso” che attraversa gli anni, pronunciato sicuramente con sincerità e convinzione, a mio avviso ci ha portati a diventare persone abituate a stare in silenzio e a sopportare l’insopportabile, senza che questo abbia portato ai risultati sperati.

Ho letto la risposta del Presidente dell’ANICA Francesco Rutelli, nella quale ho trovato tante parole per dire come Valerio Carocci sia stato sempre accolto a braccia aperte e quanto gravi fossero le sue dichiarazioni, ma nessun ragionamento o proposta concreta per uscire da questa impasse.

E’ triste – come ha fatto notare Gian Antonio Stella nel suo articolo sul Corriere della Sera –  proprio in un momento così drammatico, che ha messo in ginocchio tanti di noi, vedere acuirsi questa spaccatura intestina al nostro cinema. Esprimo la più profonda solidarietà per le sale cinematografiche colpite dall’emergenza Covid-19, per quelle che lottano per la ripartenza e per le tante che non saranno più in grado di riaprire, ma concordo con Stefania Brai quando scrive che non è boicottando I ragazzi del Cinema America che si può vincere questa battaglia. E’ il momento di lottare per una nuova legge cinema che non premi solo coloro che sono già forti sul mercato, promuovendo un unico modello di cinema possibile, uguale per tutti. Soprattutto, non è più tempo di guerre, esplicite o sotterranee, ma di ricostituire un dialogo sano e necessario tra la politica e l’industria, in cui la prima rivendichi un ruolo quanto meno paritario rispetto al sistema produttivo, del quale non può più limitarsi ad essere portavoce. Perché una ripartenza sia possibile abbiamo bisogno di una buona politica che sappia indicare nuovi modelli culturali, economici e sociali e questo impegno dobbiamo assumerlo noi prima degli altri, perché è nella vocazione di chi fa cultura essere precursore e promotore di cambiamento per tutta la società. Non tiriamoci indietro.

Complimenti e grazie a te e a tutti I ragazzi del Cinema America.

Con stima,

Antonietta De Lillo

——
#carinoi #antoniettadelillo #valeriocarocci #iragazzidelcinemaamerica #anica #francescorutelli #anec #stefaniabrai #rifondazionecomunista #gianantoniostella #corrieredellasera #cinemainpiazza #cinema #cultura
 
——