L’Istituto Italiano di Cultura di Parigi rende omaggio a Oreste Zevola

 

Il 13 febbraio alle ore 19 l’Istituto Italiano di Cultura di Parigi inaugura la mostra

ORESTE ZEVOLA: UNE RÉVOLUTION NAPOLETAINE

Al vernissage saranno presenti Alfredo Cafasso Vitale, curatore della mostra, Marina Gargiulo, curatrice e presidente dell’Archivio Oreste Zevola, Giusi Laurino, fondatrice di La Fabbrica delle Arti e Antonietta De Lillo.

La mostra, in programma fino al 14 marzo, esporrà i disegni realizzati per il film Il Resto di Niente di Antonietta De Lillo, che combinano la Storia con la dimensione magica dell’esistenza, attingendo a piene mani dal patrimonio immaginifico della cultura napoletana per riportare in vita l’energia e il coraggio dei combattenti della rivoluzione del 1799. Un’esperienza che rappresenta uno dei momenti più alti del percorso creativo di Oreste Zevola. Oreste Zevola: une révolution napoletaine

Il 14 febbraio alle ore 19 proiezione del film

IL RESTO DI NIENTE DI ANTONIETTA DE LILLO

Il film, ispirato all’omonimo romanzo di Enzo Striano, sarà proiettato alla presenza della regista Antonietta De Lillo. Prima della proiezione conversazione con Paolo Macry, autore del libro Napoli. Nostalgia di domani e Melanie Traversier, docente di storia all’Università di Lille e curatrice del libro Le royaume de Naples à l’heure française.

Ricordo le sere, e molto spesso le notti, estive che precedettero il montaggio del film trascorse davanti ai computer negli studi di postproduzione assieme ad Antonietta […] Solo qualche giorno prima della presentazione a Venezia, in una piccola sala di Cinecittà, assieme al mio amico Cesare Accetta, direttore della fotografia, potei vedere il film completo e dunque il risultato del mio lavoro nel suo contesto finale. L’emozione fu grande e finalmente quel lavoro mi sembrò positivamente concluso. Sono molto grato ad Antonietta per avermi offerto quest’opportunità che mi ha fatto scoprire nuove possibilità d’espressione […] Spero che prima o poi quest’avvenuta si possa ripetere.

Oreste Zevola

Caro Oreste, un’avventura così purtroppo non si potrà più ripetere e non sai quanto questo mi rattristi. La nostra è stata una collaborazione intima e di completa fiducia reciproca, fatto di silenzi più che di parole, in una sorta di danza invisibile. Ricordo che lavoravi ai disegni in modo così prolifico, così generoso, realizzando anche 5, 6, 7 versioni della stessa figura. Come ad esempio i tuoi San Gennaro, tutti simili eppure tutti diversi nella cura di ogni dettaglio, la veste, il cappello, i colori, la texture… Tornavi in moviola, ci confrontavamo e nasceva un’immagine ancora diversa, che prendeva qualcosa da tutte le versioni, elementi scontornati e ricostruiti in una perfetta armonia tra di noi.

Vedere poi i tuoi disegni incastonati nelle immagini del film, come una pietra preziosa nella montatura di un anello, era per entrambi una magia. Io nascondevo la mia meraviglia perché, nel mio ruolo di regista e di garante in cui avevi riposto la tua fiducia, dovevo mostrarmi sicura di ogni passo che portava alla costruzione dell’opera. Ma essere stata testimone della tua espressione stupita e soddisfatta quando vedevi i tuoi disegni immergersi nel film è stato per me motivo di pura gioia, una sensazione che si rinnova ogni volta che penso al nostro incontro e a te.

Antonietta De Lillo