la triste storia di MORTA DI SOAP

 
2009 Presentiamo il progetto al Mibac e risultiamo i primi non finanziati, con un punteggio di 70 punti.
 
2010 Ripresentiamo la domanda al Mibac, stesso progetto, stessa commissione. Veniamo rinviati per approfondimenti. Quali approfondimenti? Nel frattempo un progetto con 69 punti ottiene € 900.000 di contributo.
– Presentiamo ricorso al TAR.
 
2011 Il film rinviato viene valutato, sempre stessa commissione e stesso progetto, e ottiene di nuovo un punteggio di 70 punti.
Ci assegnano un contributo di € 250.000, esiguo e tecnicamente imprendibile con il tipo di impianto produttivo presentato ma non ci danno la possibilità di abbassare il budget, se non con il rischio di perdere il contributo.
– Nel frattempo il TAR ci dà ragione, il rinvio del 2010 è stato fatto senza giusta causa.
– Il Mibac fa appello.
 
2012 Anche il Consiglio di Stato ci dà ragione. Il progetto deve essere rivalutato “ora per allora”.
– Il Mibac rivaluta il progetto, rendendo insufficiente il criterio produttivo perché non abbiamo realizzato il film.
 
2013 Facciamo ricorso al TAR contro l’applicazione della sentenza, che non tiene conto dell’ “ora per allora”, perché nel 2010 non potevamo realizzare il film, ovviamente.
 
2016 Il TAR ci dà ragione anche questa volta.
– Il Mibac fa appello.
 
2017 Anche il Consiglio di Stato ci dà di nuovo ragione. Il progetto deve essere rivalutato “ora per allora”.
 
2018 Il Mibac rivaluta il progetto, questa volta rendendo insufficiente la sceneggiatura, che fino ad allora è sempre risultata sufficiente, in particolare nel 2009 e nel 2011. Con la stessa sceneggiatura e la stessa commissione, come è possibile che nel 2010 – perché loro devono giudicare “ora per allora” – non sia sufficiente?
– Facciamo di nuovo ricorso al TAR contro l’applicazione della sentenza.
 
2020 Il TAR per la prima volta dà ragione al Mibac, dopo 4 sentenze già pronunciate in nostro favore, con una sentenza che non tiene conto dell’ “ora per allora”.
 
2021 Facciamo appello al Consiglio di Stato e aspettiamo l’udienza fissata per il 1 dicembre 2022.