GOODBYE MARILYN

Marilyn Monroe nell’estate del ’62 non ci ha lasciati, ma ha deciso di sparire dalle scene, vivendo per cinquant’anni lontana dal suo pubblico. Fino al giorno in cui una lettera la convince a rilasciare un’ultima intervista… 

Sinossi
In occasione del suo novantesimo compleanno, Marilyn Monroe riceve la lettera di un giornalista che vorrebbe intervistarla. La grande diva di Hollywood non si concede al pubblico da cinquant’ anni, da quando, senza alcuna spiegazione, ha deciso di ritirarsi per sempre dalle scene.
Sorprendentemente Marilyn decide di rompere il silenzio e di concedere l’intervista.
Il giornalista cercherà di decifrare il mistero di una donna che, all’apice del successo, rinunciò alla fama in nome della propria libertà, diventando un mito. 

Soggetto
Marilyn Monroe nell’agosto del 1962 non ci ha lasciati, ma ha deciso di ritirarsi per sempre dalle scene. Da allora ha trascorso i suoi giorni lontana dal mondo del cinema e dello spettacolo, contribuendo ad accrescere ancora di più l’aura di mistero intorno al suo intramontabile mito. In occasione del suo novantesimo compleanno, un giornalista scrive a Marilyn una lettera affettuosa e piena d’ammirazione, senza però nascondere il desiderio di volerla intervistare. Marilyn, inaspettatamente, accetta la proposta. L’amichevole conversazione tra la diva e il giornalista cercherà di indagare le ragioni che hanno spinto Marilyn ad allontanarsi per sempre dall’universo che l’aveva trasformata in una stella del firmamento cinematografico. Il passato riemerge attraverso le parole di Marilyn, che senza rimpianti racconta se stessa e la sua fuga dalle impietose regole di Hollywood, dove “ti pagano mille dollari per un bacio, e cinquanta centesimi per la tua anima”…
Forse il giornalista non riuscirà a scoprire davvero il segreto di quella diva che in quell’estate lontana, all’apice del successo, aveva rinunciato alla fama in nome della propria libertà. Ma per la prima volta vedrà coi suoi occhi la donna che, con tutto il fascino delle sue fragilità, aveva dato corpo e voce al mito chiamato Marilyn.

Note di regia
Leggere “Goodbye Marilyn” ha rappresentato per me un’autentica folgorazione. La Marilyn diva e icona del cinema e dello star system parlava finalmente con una voce diversa, capace di raccontarmi una storia tanto affascinante quanto impossibile. Sopravvissuta alla crisi che aveva rischiato di condurla prematuramente alla morte, una Marilyn anziana, matura e consapevole di sé e della propria vita decide di tornare a raccontarsi in una veste inedita. Il passato, tra vicende note e meno note, viene rievocato con nostalgia e tenerezza, ma anche con quello sguardo disincantato di chi conosce fin troppo bene le luci e le ombre del grande mondo dello spettacolo. Il romanzo a fumetti scritto da Francesco Barilli e disegnato da Roberta Sacchi era il punto di partenza perfetto per un cortometraggio animato. I disegni, grazie all’animazione, alla colonna sonora e soprattutto alla voce di attori in carne ed ossa, avrebbero riportato Marilyn nella dimensione in cui tutti l’abbiamo conosciuta e amata, quella del cinema. La Marilyn che si è ritirata dalle scene da cinquant’anni non è un’asceta, né tantomeno una moralista che ha rinnegato tutto ciò che l’ha resa famosa. Questa Marilyn ha scelto consapevolmente di sottrarsi alle regole dello show-biz, di governare il proprio tempo con la libertà a cui aveva rinunciato per diventare una diva. Perché una diva non appartiene veramente a se stessa. Appartiene alla pellicola che la immortala sul grande schermo, e, forse ancora di più, al suo pubblico. E Norma Jeane, la donna che noi conosciamo col nome di Marilyn Monroe, ha deciso di riprendersi il suo spazio, aggiungendo solo altro fascino a un’icona già immortale.
Ho voluto chiudere il cortometraggio con la frase con cui Marilyn concluse la sua ultima intervista, solo pochi giorni prima di morire: una richiesta, quasi una supplica,  che ne rivela tutta la sua umana fragilità. 
Maria Di Razza


tratto da Goodbye Marilyn di Francesco Barilli e SAKKA (Roberta Sacchi), BeccoGiallo Editore
sceneggiatura Oliviero Del Papa
animazione Laura Sammati e Ivana Verze
musiche originali Antonio Fresa
mix Andrea Cutillo
montaggio Pietro D’Onofrio
audio Dario Calvari
voce Marilyn Maria Pia Di Meo
voce giornalista Gianni Canova
voce ragazza Lucia Rocco
distribuzione Zen Movie