LA MANZA

Da piccolo cercavo di corrompere vacche col mio ciuccio tolto dalla bocca.
Giancarlo Pretotto

Sinossi

Il film parla di contraddizioni profonde, dell’attrazione per ciò che è oscuro. L’uomo che incarna tutto questo è uno zoonomo, un tecnico che segue allevamenti intensivi affinché producano il massimo, un gigante che entra in simbiosi con gli animali che accudisce: la testa sempre reclinata un po’ di lato, gli occhi che ruotano verso l’alto per rincorrere le immagini che narra, concrete e impastate di rumori e odori come le stalle che frequenta. Gli animali e la grande distribuzione sono la sua vita, che racconta come se non esistesse altro: la manza, la mucca chianina, la maremmana, la ricerca genetica delle sue forme, l’ingrasso e la fine inesorabile. Quest’uomo ci fa entrare in un mondo che svela le sue e le nostre contraddizioni, la crudezza dell’allevamento, il rapporto profondo con le bestie.


FOTO dal SET


scritto e diretto da Chiara Ortolani
con Giancarlo Pretotto, Bruno Bellucci, Stefania Fumanti
montaggio Elisabetta Giannini, Pietro D’Onofrio
produtto da Antonietta De Lillo
produttore esecutivo Alice Mariani
musica Le Mucche Intelligenti, Kleinkief, per gentile concessione di Dischi Soviet Studio
menzione speciale al laboratorio FARE UN FILM, nell’ambito del progetto L’UOMO E LA BESTIA film partecipato