IL NOSTRO FILM PARTECIPATO

A dicembre 2010 la marechiarofilm lancia su repubblica.it il primo film partecipato in Italia ideato da Antonietta De Lillo Il Pranzo di Natale. repubblica.it 7 dicembre 2010 —–

Un anno dopo, a novembre 2011, Il Pranzo di Natale viene presentato al Festival Internazionale del Film di Roma – sezione Extra. pressbook e rassegna stampa

Hanno detto del film

E’ un vecchio sogno del cinema che rinasce potenziato attraverso la Rete. Il film collettivo, l’opera che si scrive non da sola ma tutti insieme, l’affresco  più mani che fissa un momento della nostra storia e dei nostri sogni.
Fabio Ferzetti, Il Messaggero

Descrive un’istantanea dei nostri tempi attraverso immagini prodotte da filmaker improvvisati, armati di piccole telecamere o anche solo telefonini. E non mancano filmati di giovani registi e autori di esperienza miscelati al passato documentato da vecchi filmini di famiglia.
Oscar Cosulich, Il Mattino

 […] il film è un’opera collettiva, un set aperto di linguaggi, video arte e filmini familiari d’epoca, frammenti di fiction e di documentari, interviste e musica declinate in un flusso cronologico-emotivo intorno al Natale. Materiali raccolti da cineasti prof e da donatori di memoria, registi amatoriali attirati dal concetto di “film partecipato”.
Mariuccia Ciotta, il Manifesto

Primo esempio nostrano di “film partecipato”, realizzato da moltissime mani e altrettanti sguardi […]  E così vecchi filmini di famiglia si intrecciano a corti e video di oggi in un puzzle buffo, tenero, talora crudele, di tanti Natali.
Giuseppina Manin, Corriere della Sera

In occasione dell’anteprima de Il Pranzo di Natale, marechiarofilm lancia il nuovo progetto sull’amore Oggi insieme domani Anche. clip di lancio

pannello come partecipare-1

Il film partecipato vive di un confronto costante con il coordinamento artistico composto da professionisti del cinema e del mondo della cultura, che segue e monitora il progetto in tutte le sue fasi di sviluppo. La marechiarofilm si è impegnata nella realizzazione di numerosi incontri, eventi, attività e workshop, trasformando il film partecipato in un vero e proprio progetto.  elenco workshop e fuoridalpollaio.it —– workshop Casa del Cinema —— flyer workshop—–

A febbraio 2012 si è tenuto alla Casa del Cinema e in collaborazione con il Cantiere delle Storie del Premio Solinas il primo workshop Il cinema 2.0 e la rivoluzione tecnologica, con la partecipazione di Cesare Accetta, Antonietta De Lillo e Giogiò Franchini, per stimolare i cineasti partecipanti a realizzare documentari sul tema del progetto. A partire dalle idee concepite nell’ambito del workshop è stata avviata la realizzazione dei film documentari Fuoristrada di Elisa Amoruso, Letter from an Imaginary Man di Matilde De Feo e Almas en Juego di Ilaria Jovine.

—-Letter from an Imaginary Man——- Almas en Juego .——-

Ad agosto 2012 il MoliseCinema è diventato il set per realizzare con la supervisione di Antonietta De Lillo il docufilm partecipato L’amore è un noceto, presentato al pubblico nella giornata di chiusura del festival. trailer

—–Teresa Iaropoli e Yuki Bagnardi —–

Un anno più tardi, ad agosto 2013, sempre al MoliseCinema il docufilm di Yuki Bagnardi e Teresa Iaropoli Solo da tre giorni, realizzato nell’ambito del progetto Oggi insieme domani Anche – film partecipato, è stato selezionato vincitore nella sezione Percorsi. Materiali d'amore A gennaio 2013 è stata organizzata la rassegna web Materiali d’Amore curata da due dei coordinatori del progetto, Anna Maria Pasetti e Antonio Pezzuto, e realizzata in collaborazione con MYmovies, Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico e Zooppa.it. Sette documentari sul tema dell’amore del presente e del passato, presentati sulla piattaforma MYmovieslive! e riproposti in parte in due serate all’Apollo11 a maggio 2013. programmazione rassegna

—– Flyer Apollo 11—–

Molti autori professionisti e non hanno aderito al progetto realizzando docufilm, inchieste, documentari, alcuni dei quali prodotti dalla marechiarofilm o con la nostra collaborazione. Tra questi i lavori di Yuki Bagnardi e Teresa Iaropoli, Gabriele Camelo, Antonietta De Lillo e Giovanni Piperno, Raffaele Di Florio, Nunzia Esposito, Fabiomassimo Lozzi, Pasquale Marino, Bartolomeo Pampaloni, Andrea Papini, Fabiana Sargentini, Greta Scicchitano, Erika Tasini. È stato realizzato nell’ambito del progetto e in collaborazione con Rai Cinema, il film di found footage La pazza della porta accanto, conversazione con Alda Merini di Antonietta De Lillo. Un ritratto della poetessa dell’amore montato a partire dal girato di una lunga conversazione avuta dalla regista con Alda Merini nel giugno del 1995 e in parte utilizzato in quello stesso anno nel montaggio del suo lavoro Ogni sedia ha il suo rumore.  

—– La pazza della porta accanto —–

Alcune delle opere prodotte nell’ambito del progetto hanno avuto visibilità autonoma in festival e rassegne, mettendo in luce la più rilevante particolarità del film partecipato della marechiarofilm rispetto alle altre forme di sperimentazioni del crowdsourcing italiane e internazionali: conciliare la necessità di collettività con il desiderio di libertà e individualità tipica dell’autore.

—— Forbici ——- Maria Di Razza e Costantino Sgamato ——

Forbici, graphic novel di Maria Di Razza sul tema del femminicidio liberamente ispirata a un articolo di La Repubblica del luglio 2012, è nata da un confronto creativo con Antonietta De Lillo sin dalla fase di sviluppo. Grazie alla qualità del lavoro e alla tenacia della sua autrice Maria Di Razza ha partecipato a 77 festival italiani e internazionali, ha vinto sei premi come migliore opera di animazione e una menzione speciale ai Nastri d’Argento 2014. trailer

—— L'Unità 4 gennaio 2013 —–

La nostra intuizione nata a Procida nel 2010, si è concretizzata nel corso dello sviluppo dei nostri progetti partecipati e difinita in un’intervista ad Antonietta De Lillo a cura di Francesco Possenti nell’ambito della tesi di laurea Film user generated e crowdsourcing: la moltiplicazione dello sguardo.

Tra le varie mutazioni che il cinema ha subito con l’avvento del digitale c’è anche quella relativa al concetto di “originale”. Con il digitale non si parla più di originale ma di “file nativo”. Ebbene la mia idea di progetto partecipato si estende fino alla possibilità che gli autori possano trovare una sponda per realizzare la loro narrazione, il loro film, e poi possano offrire le loro stesse immagini come parte del racconto del film partecipato. Il film partecipato è il fine ultimo del progetto partecipato, ma non l’unico. Immagino una bilancia dove da una parte si preserva l’autonomia e l’individualità di ogni singolo racconto e dall’altra si costruisce una narrazione nuova, collettiva e insieme unitaria. Vorrei riuscire a realizzare un progetto rivolto ad autori giovani e meno giovani che possano trovare in tutto questo una “casa”, un luogo dove condividere un progetto e un’esperienza basata sul rispetto, sul rapporto paritario, dove non si partecipa per affermarsi ma per migliorarsi attraverso visioni differenti.    
Antonietta De Lillo

intervista completa Il progetto partecipato della marechiarofilm è volto dunque alla realizzazione di immagini che possano vivere insieme in un unico lavoro, in grado di restituire la complessità del reale attraverso una molteplicità di sguardi, e allo stesso tempo alla creazione di spazi dove ciascun autore possa portare avanti la propria personale narrazione. Lo scopo non è  esclusivamente quello della raccolta di immagini per la costruzione di un film di remix ma quello di stimolare l’incontro tra figure artistiche diverse e una partecipazione attiva che porti alla creazione di più opere, collettive e individuali, che sappiano guardare al reale attraverso un occhio autoriale.

L’ultima iniziativa del progetto OIDA è stata il contest fotografico #scattodamore, in collaborazione con La27esimaora de Il Corriere della Sera per la realizzazione di una mostra in rete e dal vero e per la selezione dell’immagine che diventerà la locandina del film. mostra #scattodamore Nel 2014 è iniziato il montaggio del film partecipato Oggi insieme domani anche, presentato l’anno successivo alla 33° edizione del Torino Film Festival e riconosciuto con un premio speciale ai Nastri d’Argento 2016 ad Antonietta De Lillo per il suo percorso innovativo nel cinema del reale.

Hanno detto del film

Un mosaico di istantanee del presente intorno al tema degli affetti messe insieme ancora una volta dal “telaio” di Antonietta De Lillo e dalla sua marechiarofilm che, nell’idea post moderna del film partecipato, ha trovato una nuova linfa creativa dimostrando che il “noi” funziona meglio dell'”io”. Soprattutto se si parla d’amore…
Gabriella Gallozzi, BookCiak Magazine

Uno zibaldone interattivo di linguaggi, montati tra loro dal team della De Lillo con la stessa passione e la stessa cura con cui uno storico setaccia la storia e i documenti d’archivio e poi cerca di accostarli nel tentativo di ricostruire qualcosa. In questo caso il qualcosa sono gli uomini e le donne contemporanei, le cui storie si incastonano in modo così semplicemente necessario.
Elena Caterina, Sentieri Selvaggi

A 50 anni da quei “Comizi d’amore” di Pasolini che fecero epoca la De Lillo “associata” a molti giovani filmaker va a zonzo per l’Italia a intervistare la gente comune sull’amore, sesso, famiglia, trans, gay, terza età… E dietro le voci e gli occhi spuntano le storie.
Maurizio Porro, Corriere della Sera

Un piccolo delizioso capolavoro. Umorismo irresistibile.
Massimo Bertarelli, Il Fatto quotidiano

Mentre OIDA film partecipato continua il suo tour in festival e rassegne italiane e internazionali e dal 19 maggio 2016 anche nelle sale cinematografiche, marechiarofilm è impegnata nella messa a punto e nella ricerca di partnership per la realizzazione del terzo progetto L’UOMO E LA BESTIA – film partecipato.

luomo-e-la-bestia-copertina-fb2

Per informazioni sul tema e come partecipare consultare la scheda del progetto.

A gennaio 2017, nell’ambito delle masterclass de Il Mese del Documentario promosse da doc.it alla Casa del Cinema di Roma e che hanno visto protagonisti alcuni degli autori più rappresentativi del cinema documentario italiano tra cui Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, Pippo Delbono, Federica Di Giacomo, Sabina Gizzanti, è stato anticipato da Antonietta De Lillo il terzo progetto di film partecipato di marechiarofilm L’UOMO E LA BESTIA.

copyright format film documentario partecipato|marechiarofilm 2011 deposito n. 2011002867 ——-